L'orto: la rucola - TUTTI PER UNO CIBO PER TUTTI

Vai ai contenuti

Menu principale:

L'orto: la rucola

L'orto sul balcone > L'orto

Rucola
Eruca sativa Miller

La rucola  è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Brassicacee (crucifere).Se lasciata crescere, può raggiungere anche i 50 centimetri di altezza.
Le foglie, sostenute da piccoli fusti glabri riuniti alla base (rosetta),  sono di colore verde, con margini dentellati, di forma oblunga (simile ad una lancia), con un odore caratteristico e sapore più o meno piccante.
Il sapore della rucola è influenzato principalmente dal tipo di terreno e dalla stagione. Tanto più il terreno è arido e la raccolta tardiva, tanto maggiore è l'intensità del sapore.
La rucola viene coltivata fino ad un'altitudine di circa 800-1000 metri sul livello del mare; cresce bene su qualsiasi tipo di terreno purchè ben drenato.
Le foglie della rucola possono essere raccolte durante tutto il periodo dell'anno, specialmente se si presentano ben sviluppate e senza fiori.
Le foglie e le radici sono le parti maggiormente utilizzate. Le prime possono essere adoperate sia fresche che surgelate, mentre le radici vengono essiccate.
La rucola viene utilizzata sia in ambito culinario per il suo sapore particolare, che in quello medico/erboristico.
La rucola ha molteplici proprietà tra cui:

  • presenza di vitamina C;

  • presenza di potassio, ferro, calcio e fosforo;

  • stimola l'appetito;

  • favorisce la digestione;

  • azione diuretica;

  • benefica per il fegato;

  • azione carminativa, favorisce l'espulsione dei i gas intestinali;

  • stimola l'organismo nel periodo di convalescenza e debolezza;

  • azione calmante e tonificante quando viene assunta come tisana con menta e cime fiorite di santoreggia.


L'unico aspetto negativo della rucola riguarda la facilità con cui provoca effetti irritanti sul nostro organismo quando assunta a dosi elevate.

In cucina la rucolaviene utilizzata per conferire al piatto un sapore intenso con un pizzico di piccante, soprattutto la varietà selvatica.
Oltre al classico uso nell'insalata o il classico carpaccio con rucola e grana, la possiamo utilizzare per preparare il pesto sostituendola in parte, o totalmente al basilico, per un gusto più deciso e particolare

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu