Mais Nostrano dell'isola - TUTTI PER UNO CIBO PER TUTTI

Vai ai contenuti

Menu principale:

Mais Nostrano dell'isola

Prodotti del territorio > Mais

Mais nostrano dell'isola

Il Nostrano dell’Isola è una delle più note varietà locali di mais da polenta, selezionata nella provincia di Bergamo e diffusa in tutto il nord Italia fino alla metà del secolo scorso, che veniva impiegata prevalentemente per la preparazione della polenta.
E' stato coltivato per lungo tempo nella zona bergamasca detta «isola», ovvero nell’altipiano triangolare che dalla colline si estende verso la pianura tra i fi umi Brembo e Adda.
Nel 1930 fu oggetto di selezione da parte della Stazione di maiscoltura di Bergamo in collaborazione con alcune ditte bergamasche e nel 1936 ottenne il marchio governativo «semente eletta di mais» e si diffuse rapidamente in Lombardia e in altre regioni del nord Italia

CARATTERISTICHE
Le caratteristiche del mais Nostrano dell’Isola presentano una certa variabilità, come tutte le varietà locali.
Il ciclo vegetativo (dalla nascita della piantina alla maturazione) si completa in 120-130 giorni. La pianta è alta mediamente 2 metri e presenta una o due spighe (pannocchie) di forma cilindro-conica, lunghe 20-25 cm, con semi disposti su 12-14 ranghi (file) e tutolo
bianco. Il seme è vitreo, lucido e di colore giallo-arancio.
Il Nostrano dell’Isola è una varietà rustica che si adatta bene alla coltivazione con il metodo biologico e a differenza degli ibridi, il suo  seme, come quello di tutte le varietà locali di mais, può essere utilizzato come semente.
Il mais Nostrano dell’Isola ha ottime caratteristiche molitorie (resa in farina) ed organolettiche.
Il Parco dei Colli di Bergamo, con il supporto tecnico dell’Unità di ricerca per la maiscoltura di Bergamo, ha intrapreso un progetto per la valorizzazione delle varietà locali di mais, tra le quali il Nostrano dell’Isola.
Scarica qui il pdf sul Mais nostrano dell'isola

Mais nostrano dell'isola
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu