Prodotti tipici: Buon Enrico - TUTTI PER UNO CIBO PER TUTTI

Vai ai contenuti

Menu principale:

Prodotti tipici: Buon Enrico

Prodotti del territorio > Erbe Spontanee

Chenopodium bonus-henricus L.
Buon Enrico, Spinacio selvatico, Colibrina o in dialetto Paruch


Usi
Le foglie e i fusti teneri vengono fatti bollire per un quarto d'ora circa e si preparano secondo metodi in uso per gli spinaci di cui ricordano il gusto.
Rispetto a quest'ultim, per il loro minor contenuto di ossalato di calcio, sono più indicati per gli uricemici e per coloro che soffrono di acidità e ulcera gastrica.
I gambi, particolarmente succosi, una volta tolta la scorza possono essere cucinati e praparati allo stesso modo degli asparagi.

Descrizione
Pianta erbacea annuale altra da 30 a 70 centimetri, presenta un fusto eretto, ramoso e solcato.
le foglie sono verde scuro , sono disposte alterne sul fusto e presentano una farinosità biancastra soprattutto nella parte inferiore.
I fiori sono piccoli e verdastri agglomerati all'apice dei rami.
Fiorisce da giugno a settembre.

Uova al verde

Stufare due pugni di Buon Enrico per 15 minuti con poco olio, strizzare, tagliare grossolanamente.
Sbattere le uova con sale, un cucchiaio di farina bianca, un cucchiaio di prezzemolo tritato.
Ungere una padella larga, versarvi le erbe, scaldare bene, versarvi soprale uova e cuocere sui due lati sino a doratura.


Paruch
Paruch
 
Torna ai contenuti | Torna al menu